Con l’uso sempre più frequente di sostanze chimiche e di fertilizzanti, molto spesso sembra obsoleto utilizzare dei metodi più sostenibili come si faceva una volta, ma è stato creato un nuovo concetto di agricoltura biologica che si è diffusa in tutto il mondo.

Quello che i nostri nonni facevano cerchiamo di ripetere ad esempio con la produzione di composto organico da utilizzare nel terreno per riporre le sostanze nutrienti e migliorare la crescita delle piante.

Ciò che chiamiamo compost è una miscela di rifiuti di origini diverse, apparentemente senza utilizzo o che possono essere assemblati per formare un fertilizzante naturale. Il compostaggio può essere fatto da lavorazioni di scarti vegetali, erba tagliata, scarti provenienti dalla cucina, escrementi di animali, così come molti altri materiali.

Che cosa accade nel processo di compostaggio

I materiali con diverse forme, misure e composizione, vengono mischiati e sottoposti a processi biochimici. Questi processi sono eseguiti da microrganismi che utilizzano questo materiale come una fonte di energia, assorbendo gli ingredienti minerali e carbonio.

Con la degradazione di questo materiale in presenza di ossigeno il prodotto che risulta è: anidride carbonica, acqua, energia e materia organica utilizzabile dalle piante.
Questa attività microbica del materiale aumenta la temperatura, rimanendo tra 50 e 70 °C.

Fare del compost utile alla fertilizzazione

Come fare il compost per uso domestico

  • È necessario innanzitutto scegliere dove si accumuleranno i detriti organici. Anche se è possibile fare un mucchio direttamente sul terreno, è più conveniente farlo in un contenitore dove sarà possibile chiuderlo in modo di rendere il processo più pulito.
  • La scelta della posizione per il contenitore deve essere preferibilmente in un luogo riparato, caldo, e se possibile vicino alla cucina, una volta che saranno trasportati regolarmente resti di di cibi.
  • Avviare il riempimento del contenitore con uno strato legnoso secco e qualche manciata di letame che servirà come fertilizzante.
  • Riempire con un secondo strato di detriti organici. Provate a alternare strati di materiali secchi con materiali umidi. Erba tagliata, foglie secche e paglia sono anche molto utili.
  • Aggiungere statti di concime, così come cenere precedentemente inumidita.
  • Dopo miscelare più della metà del contenitore, è importante mescolare tutto il materiale in decomposizione.
  • Innaffiare di tanto in tanto, soprattutto se si nota che il composto è molto secco. Potete mescolare acqua (opzionale) con un po di letame o liquame.
  • Continuare a riempire gli strati alternati di compost e continuare a mescolare e aerare quando necessario.
  • Dopo 4 o 5 mesi, gli strati inferiori del compost saranno adeguatamente fermentati e potranno essere rimossi per utilizzare nel giardino o nel orto. Dovrà avere un colore scuro, odore piacevole e consistenza sciolta.
  • I metodi di compostaggio domestico sono efficienti e rispettano l’ambiente. Essi contribuiscono alla riduzione delle emissioni di metano in atmosfera, impedendo lo squilibrio causato dall’effetto serra, ecco perché è importante sapere come fare per creare il compost.

    Se realizzata nel modo giusto, la produzione di compost di buona qualità non emette odore, occupa poco spazio, non attira insetti e animali, oltre a ridurre significativamente il volume dei rifiuti domestici.

    Con poco sforzo si può dare una destinazione corretta a ciò che potrebbe inquinare l’ecosistema e sovraccaricare le discariche.

    Leave your vote

    0 points
    Upvote Downvote

    Total votes: 0

    Upvotes: 0

    Upvotes percentage: 0.000000%

    Downvotes: 0

    Downvotes percentage: 0.000000%